Gerani? Noi sul balcone abbiamo l’orto.

Per molti è soltanto un vezzo radical chic. Per quelli sempre pronti a tirare in ballo la “crisi” come traino per qualsiasi notiziola, è l’ennesimo sintomo di come gli italiani facciano ormai di tutto per tirare a campare, compresa la coltivazione diretta di frutta e verdura sui terrazzi di casa.
Al di là del fatto che il risparmio è tutto da dimostrare, i motivi che spingono a trasformare i balconi in piccoli orti domestici sono moltissimi. Che la cosa sia un po’ modaiola è indubbio: del resto, noi abbiamo scoperto il fenomeno curiosando tra le bacheche di Pinterest (a proposito, qui c’è quella di Foodeskine), piene di bellissimi angoli verdi sui terrazzi dei loft newyorkesi, londinesi e parigini, tra tripudi di agrumi e vasi di ortaggi variopinti. Tutto molto bello.
Ciò che ci ha più emozionato, nel nostro tentativo, però, è stato immergere le mani nella terra umida, travasare i bulbi, seminare con attenzione, assicurarsi che il terriccio sia sempre umido, scegliere l’esposizione giusta. Il nostro piccolo balcone in questo senso è baciato dalla fortuna, essendo esposto ad est: la luce del sole del mattino scalda le piantine con amorevole dolcezza, e con il sole allo zenit i germogli sono relativamente al riparo.
I ravanelli sono tra gli ortaggi più semplici da coltivare in vaso: perfetti per i neofiti dell’orto domestico
Cosa serve per allestire l’orto in balcone? Un minimo di materiale: vasi, terriccio, semi. La tecnica, quella la si impara con il tempo e per tentativi. Noi documenteremo la nostra esperienza, compresi gli inevitabili piccoli fallimenti, con dovizia di materiale fotografico e cercando soprattutto di condividere l’aspetto più importante di questo hobby: l’emozione unica del contribuire a far germogliare una pianta, vederla crescere, prendersene cura.
E poi, farci una bella insalata!
I ravanelli si seminano tra marzo e maggio. Dopo circa tre settimane sono pronti per essere raccolti
L’orto di Foodeskine per ora comprende: una quarantina di piante di ravanello, due vasi a cassetta seminati a rucola già germogliata, alcune piante di basilico acquistate già cresciute e interrate in barattoli di latta (quelli dei legumi, per intenderci), un paio di vasetti seminati a timo, uno spicchio d’aglio germogliato in un vaso tutto per se, e un altro vaso a cassetta che, dopo il tassativo rifiuto a spuntare dell’erba cipollina, ora ospita semi di cipolle, che con tutta probabilità potranno mangiare i nostri nipoti, visti i tempi di vegetazione (scherzi a parte, secondo ciò che abbiamo letto, dovrebbero essere pronte tra quattro mesi).
La mia personalissima wishslist, ovvero ciò che vorrei vedere crescere sul terrazzo nelle prossime settimane, annovera anche almeno una pianta di peperoncino e una di pomodoro.
Vedremo. Per ora ci accontentiamo dei ravanelli e della rucola, ortaggi piuttosto semplici da coltivare, e che ci strappano un sorriso ogni mattina, quando, prima di andare in ufficio, li salutiamo dalla finestra.
Tags from the story
, , ,
Written By

Scrissi con pugno deciso la mia prima headline nel 1984. All'asilo, con le matite colorate. Faceva più o meno: "Yogurt. Un po' acido, ma buono". Le maestre mi guardarono con sospetto. Ma fu subito chiaro che il cibo sarebbe stata una delle mie due grandi passioni. Della seconda, ne ho fatto un lavoro.

1 Comment

  • Ma che bello scoprirvi!
    lo so, fa tanto radical chic, ma che ci importa…per quanto mi riguarda sono molto lontana da quell'immagine…e il mio balcone assomiglia anche poco ad un terrazzo di un loft parigino…ma io sono felice lo stesso.
    Il peperoncino lo scorso anno mi ha dato immense soddisfazioni, ve lo consiglio…i pomodori sono stati croce e delizia..ci sto riprovando!
    vi seguirò anche io amici ortari!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>