Sprout, la matita da piantare nell’orto.

Cosa ne fate delle matite troppo corte per essere ancora utilizzate? Da oggi le potete piantare, e farci germogliare ottime erbe aromatiche fresche da utilizzare in cucina.
Queste matite miracolose si chiamano Sprout (“germoglio”, in inglese), e nascono dall’immaginazione di alcuni studenti di ingegneria del Minnesota.

Prodotte a mano utilizzando solo legno di cedro e materiali eco-sostenibili, le matite Sprout hanno a una delle estremità una capsula contenente un seme che si attiva con l’acqua.  Basta piantarle con la punta verso l’altro, annaffiare e dopo 2-3 settimane si vedranno comparire i primi germogli. Sprout è disponibile in moltissime varietà di erbe: basilico, timo, aneto, rosmarino, coriandolo, menta, salvia, e altre ancora in arrivo. Le matite si possono acquistare on-line su plantyourpencil.com
Il progetto è stato interamente finanziato dal basso grazie alla piattaforma di crowdfunding Kickstarter, attraverso le donazioni degli utenti del web.
Quella dei ragazzi di Sprout è un’idea di geniale semplicità, che trasforma il più semplice strumento di scrittura in un modo per veicolare tanti altri messaggi non scritti: quelli legati alla sostenibilità e al riuso creativo.
E se avete il vizio di masticare il fondo della matita, non preoccupatevi: se dovesse capitare, non vi succederà nulla, le matite Sprout sono totalmente atossiche. Tutt’al più, avrete sprecato i semi di una piantina aromatica: una ragione in più per abbandonare il vizio, no?
Written By

Scrissi con pugno deciso la mia prima headline nel 1984. All'asilo, con le matite colorate. Faceva più o meno: "Yogurt. Un po' acido, ma buono". Le maestre mi guardarono con sospetto. Ma fu subito chiaro che il cibo sarebbe stata una delle mie due grandi passioni. Della seconda, ne ho fatto un lavoro.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>