Una notte al museo: la Mostra di Leonardo a Milano

Visitare la più grande e importante monografica mai dedicata a Leonardo da Vinci in Italia è già di per sé un’esperienza irripetibile: farlo di notte, grazie all’invito di Snam, con i saloni di Palazzo Reale a Milano aperti solo per qualche decina di amici della rete, è un piccolo privilegio da ricordare.

Inaugurata lo scorso 16 aprile, la mostra di Leonardo a Milano resterà aperta fino al 19 luglio; il percorso di questo affascinante viaggio nel genio copre la vita di Leonardo attraverso tutta la sua poliedrica attività.
E così, accanto ai disegni a penna e ai dipinti, ecco le sculture, gli studi di anatomia e botanica, le celeberrime macchine, fino agli scritti filosofici o di puro divertissement.


Passeggio tra i saloni illuminati solo dai riflettori che puntano sui lavori di Leonardo, che emergono dal buio come da un sogno, mentre penso che ho sempre amato la figura di Leonardo, per il suo rifiuto delle etichette e la sua insaziabile curiosità.
Stare di fronte ai lavori della mostra di Leonardo a Milano regala una sensazione difficile da descrivere; in qualche modo, è come essere affacciati sull’intera umanità.

mostra-leonardo-milano-1

Impossibile non farsi rapire per lunghi minuti di fronte ai capolavori più celebri, i “pezzi da novanta” della mostra giunti in prestito dal Louvre: la  Belle Ferronière (forse il pezzo più conosciuto della mostra, tanto da esserne il simbolo), il San Giovanni Battista, l’Annunciazione.

Ma la magia dell’opera di Leonardo, sempre sospesa tra la libertà dell’estro creativo e la ricerca scientifica più rigorosa, sta anche nei piccoli particolari, come la cura maniacale per i piccoli dettagli nei bozzetti per lo studio anatomico di mani, volti e corpi che prenderanno vita nei suoi quadri più famosi.
In mostra è anche presente uno dei disegni più iconici di Leonardo, l’Uomo Vitruviano: l’essere umano come misura di tutte le cose.

mostra-leonardo-milano-vitruvio

Mentre faccio capannello con altri spettatori intorno a questo piccolo foglio, sui cui sono tracciate le linee dell’immortalità, non posso che pensare che strana ironia abbia guidato il fatto che il simbolo della centralità dell’uomo su ciò che lo circonda sia finito sul retro di un altro simbolo della centralità, assolutamente opposto, come la moneta da 1 euro.

mostra-leonardo-milano-allestiento

Oltre alle opere del genio, la Mostra di Leonardo a Milano comprende altri straordinari capolavori di confronto; tra gli autori in mostra ci sono anche Sandro BotticelliDonato BramanteAntonello da MessinaFilippo Lippi, Ghirlandaio, Paolo Uccello e Verrocchio.

Non solo: al termine del percorso, la mostra milanese allarga lo sguardo sull’immensa eredità culturale e artistica di Leonardo, che lo hanno trasformato nel mito con cui si sono confrontati i più importanti esponenti dell’arte contemporanea mondiale da Duchamp e Wharol.

Un piccolo consiglio: se non siete ancora stati alla mostra di Leonardo a Milano, fatelo, magari la sera, per godere in un’atmosfera ancora più magica dell’opera di uno dei più grandi esseri umani mai esistiti.

LEONARDO DA VINCI – 1452-1519
Milano, Palazzo Reale, Piazza Duomo
dal 16 aprile al 19 luglio, 2015

ORARI
Lunedì, Martedì e mercoledì: 9.30-19.30
Giovedì, venerdì, sabato e domenica: 9.30-24.00

Written By

Scrissi con pugno deciso la mia prima headline nel 1984. All'asilo, con le matite colorate. Faceva più o meno: "Yogurt. Un po' acido, ma buono". Le maestre mi guardarono con sospetto. Ma fu subito chiaro che il cibo sarebbe stata una delle mie due grandi passioni. Della seconda, ne ho fatto un lavoro.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>