L’Halloween Whopper di Burger King ha un problema. Ed è verde.

Che vi piaccia o no, anche quest’anno Halloween si festeggerà anche fuori dai confini americani. E per celebrarlo come si deve, Burger King ha deciso di offrire in tutti i suoi ristoranti, compresi gli oltre 130 punti vendita italiani, una versione speciale del suo panino più famoso, il Whopper.
Si chiama Halloween Whopper, è caratterizzato dal colore nero del pane (ottenuto, secondo l’azienda, aggiungendo salsa BBQ all’impasto) e sarà in vendita fino al prossimo 2 novembre.
Il lancio del burger in Italia è stato accompagnato da un flash mob a tema zombie andato in scena qualche giorno fa in Stazione Centrale a Milano.

Zombie e mummie hanno invaso le strade di Milano: cosa li avrà destati dal sonno eterno? #thenewblack
Posted by Burger King Italia on Martedì 29 settembre 2015

Ammesso che questa sia una buona notizia, ecco quella cattiva. Il pane non è l’unica cosa dal colore insolito che l’Halloween Whopper porta in dote.
Pare infatti che mangiare il panino provochi un curioso effetto collaterale al momento di… Insomma, ci siamo capiti.
Il magico mondo dei social media made in USA non si è fatto sfuggire l’occasione per discuterne.
(Buzzfeed ne parla con dovizia di particolari, tra l’altro).

Dear @BurgerKing, yesterday I ate a Halloween whopper and now the color of my poop is blue green. Where my brown poo? pic.twitter.com/IVthvPpNNQ

— Smokey Martling (@SmokeyMartling) 3 Ottobre 2015

Yesterday I had the Halloween Whopper… Today my poop is green. Yesterday was the last time I’ll have the Halloween Whopper.

— Daniel Rodriguez (@Danny_Seth) 4 Ottobre 2015

Presto, l’ironia ha preso il sopravvento. E immancabile è anche arrivato l’hashtag #GreenPoop.

.@BurgerKing I’ve made a new graphic for your Halloween Burger. You’re welcome. #GreenPoop pic.twitter.com/IcIVemOiPX

— Giana Mucci (@RatedGiana) 6 Ottobre 2015

Da noi, c’è anche chi ha gridato alla strategia di marketing.


Quelli del marketing lo sapranno… sarà un effetto collaterale voluto?! #greenpoop http://t.co/REyXSQUNxh

— Freakettona (@freakettona) 6 Ottobre 2015

Ora, con tutto il rispetto, non so in quale ufficio marketing tingere di verde smeraldo la cacca dei propri clienti possa essere considerato un vantaggio competitivo in termini di brand awareness.
In ogni caso, vera o no che sia la questione (abbiate pazienza, ma non ho una gran voglia di verificare di persona…), a occhio e croce l’operazione di Burger King rischia di diventare uno scherzetto di Halloween piuttosto indigesto per l’azienda.
Attendiamo le reazioni dei consumatori italiani, che quando si parla di cibo sono più estremisti dei Talebani.
Altro che zombie.

Written By

Scrissi con pugno deciso la mia prima headline nel 1984. All'asilo, con le matite colorate. Faceva più o meno: "Yogurt. Un po' acido, ma buono". Le maestre mi guardarono con sospetto. Ma fu subito chiaro che il cibo sarebbe stata una delle mie due grandi passioni. Della seconda, ne ho fatto un lavoro.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>